Archivi del mese: aprile 2010

Stalag XB

Oggi mi trovo a Bremenvörde a due passi dallo Stalag XB, nel mio albergo ci sono diversi ex deportati di tante nazioni diverse. Oggi si va insieme a vedere lo Stalag XB dove migliaia di militari internati si sono ritrovati dopo l’8 settembre 1943.

In questi giorni insieme a Silvana e Bruno Vialli, Mario Cusimano e Gisella Gaspari stiamo raccontando quei luoghi: Norimberga, Stalag XIIID, Bergen Belsen, Fellingbostel e oggi lo Stalag XB. Non è facile raccontare senza cadere nella retorica dei sentimenti, cerchiamo di ridarvi delle impressioni, non vogliamo convincervi di nulla. Il vuoto è un tratto comune di quei luoghi, è l’assenza di segni e immagini forti che ci permette di ricostruire mentalmente quella tragedia.

Su www.8settembre1943.info potete continuare a vedere il nostro viaggio.

qui vi inserisco il booktrailer che feci all’inizio di questa esperienza, per il mio libro.

Un grande parco.

Oggi dopo la visita al memoriale, siamo andati al cimitero dove il direttore del museo ci ha indicato la presenza dei militari. Un grande parco, un cimitero molto anomalo per i nostri standard. Abbiamo trovato una lunga fila di lapidi piene di nomi di militari russi. Tutti morti tra il’44 e il ’45.
Il viaggio continua con il lager di Bergen Belsen.

A Norimberga dove Hitler parlava ai raduni nazisti

Oggi a Norimberga abbiamo visto il centro congressi nazista, sembrava un posto alieno. su www.8settembre1943.info potete vedere un frammento di video.

Il nostro viaggio continua domani verso Bergen Belsen, ma prima vedremo il memoriale di Norimberga, che oggi abbiamo visto da fuori. Lì chiederemo notizie dello Stalag XIIID, quello di Gioacchino Virga.

Siamo in viaggio.

Il viaggio è già iniziato molto presto e siamo in Trentino. Su 8settembre1943 ci sono i primi articoli. Luca Alessandrini dell’Istituto Storico Parri apre questo nostro viaggio.

Tratti di storia

Il 21 aprile sono stato invitato insieme a Silvana e Bruno Vialli, con i quali mi appresto a fare il viaggio, a parlare del mio libro Stalag XB ma anche di questo viaggio e blog alle 18,00 presso la Sala Partecipanza, via Garibaldi 25, a Pieve di Cento. contemporaneamente si inaugura una mostra di sei giovani artisti dell’Accademia di Belle Arti di Bologna che illustrano degli episodi ispirati alla liberazione, Simone Cortesi, Guido Marchesini, Federico Mazzoleni, Gabrile Peddes, Irene Prendin e Marco Tabillio.

la mostra sarà visibile fino al 16 maggio per informazioni URP 051 6862611.

La mostra è organizzata dal Comune di Pieve di Cento e dal Centro Sociale Anziani.

Se vi trovate da quelle parti venite a trovarci. Nell’immagine un particolare della locandina e se guardate bene noterete che si tratta dei tristemente noti pali di recinzione dei campi di concentramento.

Oltre il mio sguardo!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Galleria 1

Una storia in viaggio – l’altra resistenza

Volevo racconrtarvi di un viaggio che mi appresto a fare, si tratta di un viaggio che nasce sulla spinta di una pubblicazione che ho realizzato per Becco Giallo. Si tratta del libro Stalag XB è la storia di un mio parente (Gioacchino Virga) internato nei campi di concentramento dopo l’8 settembre 1943. era un militare è quindi la sua storia ma anche quella dei militari italiani che vennero rinchiusi nei lager perché decisero di non collaborare con le forse nazifasciste.

Questa è una storia poco conosciuta, quasi per nulla studiata e il libro è stata un occasione per affrontare questo tema. Ho fatto diverse presentazioni e questo mi ha permesso di conoscere diverse persone interessate a quest’argomento coinvolte per diversi motivi, spesso perché parenti di questi militari ex internati o addirittura anche alcuni dei militari stessi, e con alcuni di loro ho avuto l’occasione di parlare più a lungo e a qualcuno sono riuscito a fare delle interviste.

Per me è stato molto importante ascoltare dalla viva voce dei protagonisti, quella vicenda e soprattutto rendermi conto di come è nata quella scelta di non aderire alla Repubblica di Salò e quindi non ccollaborare con le forze nazifasciste.

Ritornando al viaggio vi racconto brevemente di cosa si tratta, saremo 5 persone, ci saranno  Silvana e Bruno Vialli i figli del tenente Vittorio Vialli che clandestinamente riuscì a fotografare la vita nei lager, queste foto sono conservate presso l’Istituto Storico Parri, Emilia-Romagna di Bologna e rappresentano un importantissimo reportage fotografico della vita nei lager. Insieme a noi ci sarà Mario Cusimano, che è un fotografo, un giovane fotografo che racconterà questo viaggio in quei luoghi fotografati da Vittorio Vialli, Mario è anche lui come me  di Gioacchino Virga e quindi anche lui coinvolto direttamente in questa storia. A riprendere questo viaggio ci sarà Gisella Gaspari che è una regista, specializzata nei documentari storici.

Il 25 aprile partiremo da Bologna e ripercorreremo alcuni luoghi della detenzione dei militari italiani, passeremo da Norimberga dove c’era lo Stalag XIIID dove visse, purtroppo, gli ultimi mesi della sua vita Gioacchino Virga. Poi proseguiremo per Bergen Belsen tristemente noto campo di sterminio e li vicino si trova Fellingbostel dove molti militari italiani furono rinchiusi tra cui Vittorio Vialli che riuscì a fotografare anche il momento della liberazione da parte degli alleati. Poi proseguiremo per Sandbostel dove c’era uno dei lager più importanti per i militari italiani lo Stalag XB, lì troveremo la fondazione dello Stalag XB che cerca di mantenere viva la storia, la triste storia, dei campi di concentramento tedeschi con diverse iniziative tra cui quella che si terrà proprio in quei giorni dal 27 al 29 aprile dove parecchi ex internati si rincontreranno per taccontare quella vicenda drammatica. Questo viaggio lo racconteremo in un blog quotidiano che partirà il 25 aprile dove raccoglieremo le nostre emozioni, i nostri appunti e lo faremo attraverso dei testi, delle foto dei disegni, in tanti modi, anche i video che faremo durante questo il viaggio. Insieme ai nostri appunti ci saranni i contributi video di diversi storici, di diverse persone coinvolte in questa storia che racconteranno diversi aspetti di questa vicenda.

Ci saranno anche diverse interviste ad ex internati militari, quindi proveremo a raccontare questa storia da diversi punti di vista. Tutto quanto sarà visibile sul blog che terremo dal 25 aprile, che è già visibile su http://www.8settembre1943.info dove potete già vedere alcune testimonianze raccolte in questo anno di vita di questo blog. Vorrei ringraziare l’Istituto parri Emilia Romagna di Bologna soprattutto Luca Alessandrini per l’appoggio e la collaborazione che sta dando all’organizzazione di questo viaggio.

Inoltre vorrei ringraziare le altre persone che stanno collaborando con noi a questo progetto, Roberta Gibertoni di Proforma, che si occupa di viaggi nei luoghi della memoria e Anedo Torbidoni Web-Libero che si sta occupando della comunicazione sul web e della realizzazione del blog. Grazie, ciao, Marco

A Napoli!

Sì dal 1 aprile, e non è uno scherzo, la mostra “Storia di un non ritorno” del libro Stalag XB si può

vedere alla Feltrinelli di Napoli in Via S. Caterina a Chiaia 23 – Tel 0812405411. Durerà fino al 2 maggio.

Dal 29 aprile al 2 maggio si terrà il Comicon, Salone internazionale del Fumetto a Napoli. La mostra è un’iniziativa del Comicon e fa parte dell’iniziativa chiamata ComiconOFF.

Quando sarà pronta l’agenda del Salone vi saprò indicare anche la data della mia presentazione durante il Comicon. Io verrò direttamente dalla Germania, dove andrò per un viaggio particolare. Infatti, insieme ad un gruppo di persone faremo un viaggio nei luoghi della memoria dell’internamento intorno al 25 aprile, ma di questo viaggio ve ne parlerò a breve.

Intanto a tutti gli amici napoletani un invito a vedere la mostra. a presto!