Archivi del mese: giugno 2010

La guerra di Siena.

Corro, le stradine sono aggrovigliate, vanno su e vanno giù. Sento i tamburi, rullano che fanno paura, è l’incessante pressione sui combattenti. Da qualche parte sta cominciando l’attacco. Dietro o davanti, mi troverò nel mezzo della battaglia e dalla parte sbagliata. Mi sono perso, non ho il tempo di capire dove mi trovo, sento le urla e i tamburi che si avvicinano. I portoni sono chiusi, non posso chiedere soccorso a nessuno, ma poi sono un forestiero, un nemico per tutti. Vedo le bandiere azzurre e bianche appese alle finestre. Sì, sono dalla parte sbagliata. Sbucherà un drappello e sarò fatto prigioniero. Anzi mi uccideranno subito. No, forse prima mi tortureranno per farmi parlare. Eccoli, ne vedo alcuni con le sciarpe azzurre e bianche, sono finito. Continua a leggere

Annunci

Scommettere sul fumetto!

Mi sembra molto interessante la discussione aperta intorno alla figura professionale dell’autore di fumetti che leggo in alcuni blog. Figura che solo in piccola parte è retribuita per il suo lavoro. Sappiamo bene che chi percepisce una retribuzione solitamente lavora per prodotti seriali oppure stiamo parlando di Milo Manara. Infatti, il mestiere dell’autore di libri a fumetti è legato quasi esclusivamente alle famose royalties. Le case editrici danno come assodato il fatto di non dover pagare gli autori. L’investimento per loro è la stampa del libro. Se gli editori pagassero gli autori, quante copie dovrebbero vendere per arrivare alla fatidica soglia di pareggio? Adesso sono abituati a quella media di circa 500 copie che garantisce il rientro dalle spese. Questa cattiva abitudine di non pagare gli autori ha fatto si che gli editori non si occupano più di vendere i loro libri ma solo di stamparli, mandarli al distributore che li incalza per avere le novità e alimentare un mercato quasi morto con libri che dopo appena due tre mesi sono già vecchi. I libri vanno promossi e mantenuti in vita fino al loro esaurimento e se necessario alla ristampa successiva. Per fare ciò devono cambiare diverse cose, prima di tutto gli editori dovrebbero pretendere dai distributori una diversa politica sulle vendite, cioè, il libro non muore dopo due mesi ma solo se è un insuccesso. Poi devono puntare sulla promozione sia del libro sia dell’autore stesso. Continua a leggere

Manifeste inquietudini

Un disegno venduto all’asta fatta nella libreria Modo a Bologna a sostegno del Manifesto, da qui il titolo.

FontLab presentazione e 1° lezione

1° Lezione

Per questa lezione partiremo da un font disegnato dall’autore del bel romanzo a fumetti Pyongyang, pubblicato in Italia da Fusi Orari la casa editrice di Internazionale. Per digitalizzare questo font siamo partiti dall’edizione francese letterata a mano dall’autore stesso. Con questo font la RAM ha realizzato anche i due libri successivi dell’autore canadese,  Shenzhen e Cronache birmane.

Dopo aver scansionato i nostri caratteri disegnati su carta, con una risoluzione di 1200 dpt, apriamo con photoshop il nostro file.

Continua a leggere

Pesce morto

La memoria e le altre resistenze

La presentazione su Resistenza e Costituzione di mercoledi 16 alla festa de l’Unità è stata a mio avviso un interessante momento d’incontro tra diverse angolazioni del fenomeno resistenziale italiano. Abbiamo visto il bel documentario “Bandite” di Alessia Proietti e Giuditta Pellegrino. Sulle donne partigiane, sulla loro lotta al fascismo che fu anche lotta di parità e di uguaglianza tra i generi. Scontrandosi con il maschilismo dei compagni partigiani.
Continua a leggere

Resistenza e costituzione.

16 giugno Caserme rosse ore 19,30
Incontro su resistenza e costituzione
Con presentazione dei libri Stalag XB, dei “Il primo giorno d’inverno” di M. Storchi e I. Ravali, e “La questione della colpa in Italia. Punizione dei crimini di guerra fascisti e influenza sulla memoria nazionale” di Toni Rovatti. Saranno presenti oltre agli autori anche Silvana Vialli, Bruno Vialli e Riccardo Marchese.
Sarà interessante confrontarsi su questi temi partendo da storie diverse tra loro anche per la diversità del linguaggio utilizzato. Video, fumetto e saggio. Inoltre la presenza di Riccardo Marchese che oltre ad aver vissuto personalmente la deportazione ed essere stato docente, ha curato parecchie pubblicazioni di letteratura e di storia per la scuola. Marchese ha spesso sottolineato come il ruolo dell’educatore sia di fondamentale importanza nella condivisione di un bene comune come la democrazia che vede nella Costituzione un punto fondante per la nostra esistenza. A seguire alle 21“La Costituzione: valori a VOCE ALTA” a cura dell’Associazione culturale Youkali; con Simona Sagone (voce recitante), Mauro Malaguti (chitarra), Giovanni Simon (fisarmonica)

Terra, terra!

Il marinaio balla di gioia, oggi è scampato alla bufera. Domani sarà un altro viaggio.

Arrivo!

China a pennello.

Sismics, il festival svizzero!

Le aventures du Sismics, il festival di fumetti che si tiene a Sierre in Svizzera dal 2 al 6 giugno. Quest’anno avrò modo di conoscere da vicino questo festival poiché sono stato invitato per la RAM e in quanto autore. Insieme a me è stato invitato anche Andrea Plazzi. Ho dato un’occhiata alle diverse iniziative in programma e sembra molto interessante. Inoltre avrò l’occasione di conoscere da vicino il fumetto svizzero che non conosco affatto. E a proposito mi sorge una domanda, ma i fumetti in Svizzera li stampano in più lingue oppure ogni editore cura solo un’area linguistica? Vi saprò dire.