Ipad e fumetto o Icomics?

Prima di tutto alcune considerazioni sulla tavoletta IPad, credo che più che l’invenzione va considerata l’operazione di marketing ben fatta come solitamente usano fare quelli dell’Apple. Infatti le tavolette con il sistema touch screen esistevano già da qualche tempo nel mercato. Peró la novità sta nel farlo diventare un fenomeno di massa. Ci sembra così innovativo pure il touch screen che usiamo già da una decina di anni, basti pensare alle biglietterie automatiche delle stazioni o ai bancomat. Tornando all’Ipad, ho la sensazione che venga vissuto non come uno strumento ma come un luogo, dove è necessario esserci, un po’ come l’Iphone. D’altra parte quelli della mela hanno pensato che il loro pubblico non li abbandonerà mai anzi continuano a fare proseliti facendo della differenza di formato non un limite ma il loro punto di forza. Adesso andiamo ai fumetti, cosa succederà ai nostri eroi di carta?

Io intravedo tre possibili reazioni nel mondo comics, la prima vuole sfruttare l’onda del marketing iPad (di breve durata) per farsi promozione e poter dire “io ci sono, sono moderno, io sono il nuovo”. La seconda è quella delle grosse case editrici che mettono a disposizione il loro archivio con grande guadagno di immagine. La terza sarà la realizzazione di nuovi linguaggi che partono dal fumetto per divenire qualcos’altro con video, audio (Icomics). Chi produrrà e chi consumerà i prodotti che verranno fuori lo scopriremo più avanti ma probabilmente saranno le nuove generazioni. Forse nasceranno nuovi editori e nuove figure professionali capaci di interpretare le nuove esigenze che verranno. Per i nostri fumetti di carta l’Ipad è un nuovo mezzo da usare per farsi conoscere ma integrandolo con una buona promozione su internet che rimane il mondo comune a tutti i formati compreso l’ipad. Perché per una media o piccola casa editrice essere dentro l’iPad o nell’iphone con un applicativo equivale a ritrovarsi con una barchetta nel mare aperto.

D’altra parte non posso non pensare anche alla comodità di scaricare dei PDF a poco costo dei libri che non avrei comprato in libreria, questa può essere un’opportunità che va sfruttata con intelligenza. Ovviamente saranno le abitudini che si affermeranno a darci le indicazioni da perseguire. Per gli autori penso che possono sperimentare soprattutto le possibilità della tecnologia touch screen, ma questa è una scelta personale. Il disegnino sopra l’ho fatto a penna, fotografato, elaborato e colorato con Camera Plus, Photoshop, Sketchbook dell’Iphone.

Annunci

3 risposte a “Ipad e fumetto o Icomics?

  1. Pingback: Un anno di blog, il viaggio continua! | Marco Ficarra

  2. Pingback: L’onda lunga del fumetto fino a quando durerà? | Marco Ficarra

  3. Pingback: Ebookafumetti su twitter | Marco Ficarra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...