Io ci metto il Becco (Giallo)

Perché la RAM sarà insieme a Becco Giallo all’incontro di domenica 31 (ore 10 Camera di Commercio) a Lucca? Il titolo dell’incontro: Fumetti e web 2.0 – Nuova campagna promozionale online di Becco Giallo. È presto spiegato, infatti quello che potrete ascoltare è la presentazione di questa nuova collaborazione che vede la RAM occuparsi della comunicazione online di Becco Giallo. Spiegheremo la nostra strategia di promozione, parleremo di ciò che abbiamo già iniziato a fare e di quello che intendiamo fare. Ci tengo a dire da subito che non agiremo a forza di spot o spam ma il nostro sarà un lavoro lento di relazione con le comunità di interesse che la casa editrice stessa già incrocia. Il nostro compito sarà quello di mettere in comunicazione queste realtà con le tematiche affrontate da Becco Giallo e i libri realizzati, gli autori e la loro ricerca di narrazione e di segno. Insieme a me ci sarà Anedo Torbidoni di Web-libero con il quale abbiamo già inaugurato una collaborazione sul versante web e su quello della formazione. Al di la del fatto che sono coinvolto professionalmente, ritengo molto lucido e intelligente, in un momento così problematico per il fumetto e la cultura in genere, lo sforzo da parte della casa editrice di avvicinamento verso il potenziale pubblico di lettori. Questo lavoro di relazione può essere l’occasione di nuove opportunità progettuali. Questo lavoro di promozione si basa sulla produzione e confronto di contenuti. Contenuti che in rete viaggiano veloci con il rischio di passare inosservati. Noi vogliamo fare incontrare/confrontare questi contenuti tra loro. Con Guido Ostanel e Federico Zaghis gli editori di Becco Giallo abbiamo intrapreso un percorso interessante che prevede anche la elaborazione di nuovi progetti per le nuove piattaforme come IPad, IPhone, e simili. Per adesso posso dire siamo solo all’inizio.

Mauro Rostagno Prove tecniche per un mondo migliore

Bob Marley Coming in from the cold

Annunci

Una risposta a “Io ci metto il Becco (Giallo)

  1. Quando si dice “le chiacchiere stanno a zero”! Ecco un maniera concreta e intelligente per promuovere il fumetto fuori da quella che io chiamo “riserva indiana”. Certo, la BeccoGiallo per le tematiche e i linguaggi che caratterizzano i suoi libri forse troverà più disponibilità all’ascolto al di fuori, ma intanto è un passo, secondo me, nella direzione giusta. In bocca al lupo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...