Archivi del mese: febbraio 2012

BilBOlbul 2012 in RAM

Anche quest’anno è arrivato BilBOlbul con le mostre, gli incontri e i tanti appuntamenti del fitto calendario del festival del fumetto a Bologna. Lo Studio RAM nello spazio espositivo RAM Hotel ospiterà l’autore norvegese Bendik Kaltenborn ed ha già pronto il catalogo della mostra.

Questa volta la presentazione è stata affidata non ad un fumettologo come solitamente avviene per i cataloghi di RAM Hotel ma abbiamo chiesto ad un suo amico. Un amico che noi conosciamo bene perché lo abbiamo ospitato in mostra tanti anni fa, si tratta di Manuele Fior. Sul sito di RAM Hotel trovate tutti i dettagli, ma intanto vi anticipo che l’inaugurazione è SABATO 3 MARZO ore 19 in Via San valentino 1F a Bologna.

Vi aspettiamo insieme a Bendik che vi dedicherà il catalogo della mostra, che contiene una breve storia in 24 vignette.

Ci siamo quasi

Ultimamente sono un po’ latitante dal blog, ma il mio tempo al momento è per gran parte impiegato nella stesura di un libro. Sono quasi alla fine e la consegna si avvicina. Poi ci sarà un lungo periodo di controllo e rilettura. Si tratta del manuale del lettering per il fumetto. Ci sto lavorando da un anno e spero tanto che venga fuori un bel lavoro. Il libro verra pubblicato dalla Tunué. Una casa editrice conosciuta nel mondo del fumetto anche per il settore della saggistica dedicata al mondo delle nuvole parlanti. Ultimamente “fine settimana” fa rima con “a casa a scrivere”. È la prima volta che mi trovo a scrivere un manuale che ha la pretesa di essere anche qualcosa in più con una riflessione sul valore del lettering nel fumetto. Una breve storia della nascita della scrittura, dalle incisioni rupestri fino al digitale e tante immagini per capire e realizzare il lettering. Sicuramente, adesso che sono arrivato quasi alla conclusione posso dire che tutto ciò che ho fatto è ciò che non si deve fare quando si deve scrivere un manuale. D’altra parte c’è sempre “una prima volta” e per continuare sulla scia delle banalità “sbagliando s’impara” e qui mi fermo.
Quando ho fatto il mio fumetto avevo concluso con la medesima considerazione, ho fatto è ciò che non si deve fare quando si deve fare un fumetto. Speriamo che l’esperienza mi sia servita per i prossimi progetti.
Giusto per citare uno degli errori più gravi che ho fatto in entrambi i casi è stato leggere e guardare tanto materiale e non prendere mai appunti, sicuro della mia memoria. Potete immaginare le mie imprecazioni quando dovevo ritrovare dei testi o immagini da inserire nel libro.
Vabbé, spero di non aver dimenticato nulla di importantissimo e tra non molto vi darò specifiche maggiori. Se nel frattempo avete voglia di segnalarmi autori o disegni che ritenete fondamentali per il lettering potete scrivermi alla mia mail o lasciare un commento sul blog. Per chi non conosce il blog che ho aperto dedicato al lettering del fumetto può andare qui.