Archivi del mese: maggio 2012

Il nuovo scenario dell’editoria digitale il 30 maggio

Continuano le serate a Vicolo Bolognetti sulle Risorse del WEB a cura dell’Associazione Web-Libero di cui faccio parte anch’io. Sul prossimo incontro del 30 maggio potete leggere questo breve articolo.

Quello precedente verteva su come aumentare le opportunità professionali attraverso il web. in poche parole, si fa per dire, come promuovere e portare avanti un progetto commerciale o culturale utilizzando le risorse gratuite che la rete mette a disposozione.

Insieme ad Anedo Torbidoni di Web-Libero ha partecipato Francesco De Nobili che ha presentato in modo molto efficace come affrontare un progetto web, quali errori evitare e soprattutto come utilizzare i social network. Ha presentato la sua diretta esperienza con il sito ComunicazioneLavoro e l’ebook che racchiude tanti utili suggerimenti. L’ebook lo potete scaricare gratuitamente poiché all’iscrizione vi danno una ricarica di 3 euro mentre l’ebook ne cosa 2,99. Su Comunicazionelavoro trovate tutte le istruzioni.

Anedo ha posto l’attenzione sulle nuove opportunità che si presentano a chi crea progetti sul web, opportunità che a volte non direttamente sembrano collegate con l’attività promossa. Come l’essere chiamato come esperto di un determinato settore, la possibilità di scrivere articoli in riviste specializzate e tante altre.

Come al solito questi incontri non sono fatti per esperti informatici, hanno l’obiettivo di dialogare con coloro che hanno dei progetti da sviluppare in rete e per creare un momento di discussione dove condividere le competenze professionali. Infatti, è proprio dalle relazioni e dalla condivisione che possono nascere progetti innovativi. Questo nuovo atteggiamento verso gli altri ancora da molti non è compreso, anzi emerge spesso una diffidenza verso la rete e la condivisione. Una diffidenza che penalizzerà nel tempo. Questo è da tenere bene in considerazione soprattutto per quei settori che del copyright ne fanno un vangelo. Vi ricordo cosa è successo con la musica e di come la corsa protezionistica ha determinato la trasformazione radicale del mercato a danno degli editori discografici tradizionali.
Ritornando al nostro incontro, possiamo dire che anche le domande dal pubblico hanno contrinuito ad arricchire il dibattito, si è parlato anche di Twitter oltre che di Facebook e Youtube.

il prossimo incontro si parlerà di editoria digitale. Dalla lotta dei formati alla rivoluzione delle professionalità nel settore editoriale: i lettori e le case editrici nel confronto con la tecnologia digitale.
Ne parleranno Anna Maria “Amalibri” (di eBook Club Italia), Francesco De Nobili (responsabile web marketing di Area51 Publishing), Mauro Sandrini (autore de “Elogio degli e-book“) e Anedo Torbidoni (Web Manager).

Vi lascio con questo pensierino:
se prima o poi tutti i contenuti digitali e quindi anche i libri potranno divenire gratuiti, quale sarà il futuro degli editori e autori?
Fatemi sapere cosa ne pensate lasciando un commento.

Dieci cadute di Nicola Console

La caduta di dieci potenti della terra, del presente e del passato. Il filo conduttoreè  semplice e immediato, i potenti fanno una brutta fine prima o poi. Una narrazione animata disegnata e dipinta da Nicola Console. Con l’uso di inserimenti video e di una voce narrante che ci accompagna per tutta l’animazione. La voce dell’attore Luigi Lo Cascio. Nicola Console ha realizzato questo film d’animazione che potete vedere in due parti pubblicato su Youtube. Liberamente tratto da “La caduta” di Martino Lo Cascio. Fotografia di Marianne Boutrit, montaggio Desideria Rayner, musica Andrea Rocca, suono Mauro Forte, ass. montaggio Erik Meazzi, consulente artistico Alice Mangano, Traduzione Giulia tessitore. Una prosuzione 2mattoni.

Prima parte

Seconda parte

M^C^O bene leggasi MACAO

20120516-234312.jpg
Vi segnalo questo interessante articoloche spiega cos’è M^C^O a Milano. Un’esperienza durata solo 10 giorni e appena sgomberata dalla polizia per occupazione abusiva di proprietà privata, abbandonata da tempo. Quel che ritengo molto interessante non è la discussione sul diritto o meno di poter occupare degli spazi privati abbandonati per fini sociali ma il progetto che sta dietro quest’esperienza che non ha intenzione di fermarsi davanti questo primo ostacolo. Infatti davanti sono accorsi tante persone e dai twitter sembrano intenzionati a dormire li davanti. Potete seguire su twitter cercate MacaoTwit o l’hastag #macao e cogliere lo spirito interessante di questa occupazione.
L’argomento spazi occupati o gestione politica da parte della neo giunta di centrosinistra a Milano di Giuliano Pisapia sono in secondo piano rispetto all’idea di mettere in discussione la figura del lavoratore creativo e culturale andando oltre l’esperienza già innovativa del co-working.

Così descrive lo spazio l’articolo di Roberto Ciccarelli “Uno spazio verticale di 33 piani dove riunire le arti e le professioni indipendenti, liberali, cognitive e creative, come quelle operaie e artigiane, seguendo un modello di auto-governo che va dalla formazione alla co-progettazione, dalla creazione di una filiera dell’arte alternativa a quella pienamente finanziarizzata (a Milano, passando da Venezia e Roma e, poi, sulla scena globale) ad un laboratorio del co-working dove il principale obiettivo è la creazione e la socializzazione di un’attività operosa, non la concessione a pagamento di loculi dove la “creative class” si accomoda con il suo computer e finge la normalità di avere un ufficio, ricevere i “clienti”, simulare la comodità di un atelier, quando invece paga solo il marchio acquistato in franchising dalle multinazionali del co-working.

L’idea è quella di reinventare nuovi modelli del lavoro professionale e di mettere in gioco le relazioni e la condivisione. L’idea mi sembra molto interessante e anche molto innovativa. Questo è anche lo spirito del web che mi piace e che si realizza anche nei luoghi fisici come Macao. Sono queste esperienze che probabilmente possono portare qualcosa di nuovo anche nell’economia concreta e soprattutto nella società.
Tra le iniziative vi segnalo quella simpatica degli autori di fumetto che stanno disegnando in diretta e in collaborazione tra logo. Su twitter cercate Tito Faracie Paolo Castaldi Nella foto di Paolo la preparazione della tavola che verrà presentata domani. Seguiteli su twitter.