Archivi del mese: settembre 2012

Rullo di tamburi, squillo di trombe…

20120911-221048.jpg

è in arrivo il manuale del lettering, parole disegnate nel fumetto, edizione Tunué.

Dopo un lento e lungo periodo di lavorazione ho tra le mani il libro a cui ho lavorato tanto. fa un certo effetto vederlo così tutto ben curato nella sua veste grafica. Dopo aver avuto davanti gli occhi per tanto tempo il blocco notes dell’Iphone con il quale ho scritto tutti i testi del libro. Sono tante le persone che hanno collaborato e tanti i libri che ho comprato per farmi un idea dei tanti modi di fare lettering. Quello che non ho fatto è stato scrivere una storia del fumetto attraverso il lettering, ma ho attinto da diversi periodi storici e da stili più disparati. Ci saranno assenze più o meno clamorose e presenze di illustri sconosciuti ma ho messo tutto quello che ho ritenuto utile e necessario alla descrizione degli argomenti trattati. Ci sono due interviste molto interessanti a due esperti, Francesca Biasetton per la calligrafia e Andrea Accardi per un po’ di storia e suggerimenti sul lettering. Ad Accardi ho fatto un’intervista video e nel libro trovate i codici QRc per vederli direttamente dal cellulare. Qualcosa che può interessare a molti è la storia del letterista scomparso, colui che insegnò a Will Eisner a fare il lettering. Questa è stata una segnalazione che ha riportato Diego Ceresa, noto letterista, ad un bel dibattito tenutosi a Lucca durante il festival. Qui il link al libro dove trovate anche un’anteprima. Mentre da questo link andate al blog dedicato al lettering per il fumetto. Adesso che è terminata la fatica mi rilasso pensando alla prossima avventura che sarà un fumetto.

Annunci

Stalag XB a Livorno

Il segno e la parola. Raccontare l’8 settembre. Questo è il titolo dell’iniziativa che mi vede coinvolto con il mio fumetto Stalag XB a Livorno. A più di 3 anni dall’uscita del libro continuano le occasioni per parlare della questione IMI tante volte affrontata in questo blog. Per me questo libro è stata l’occasione per scoprire una storia familiare e più collettiva che fino a poco tempo fa non conoscevo. Ma non sono il solo ad averla conosciuta molto tardi, infatti la storia degli internati militari italiani è una storia poco nota a dispetto del grande numero di persone coinvolte, più di 700.000 militari deportati. Ancora oggi mi capita spesso di ricevere mail di parenti di IMI che come me scoprono molto tardi la storia dolorosa del loro parente. Non è di rado che queste storie vengono fuori grazie a un diario o a qualche lettera ritrovata dopo la morte dell’ex deportato. Insomma storie nascoste o dimenticate perché quei militari al loro ritorno in Italia dai lager nazisti non furono degnati di alcuna considerazione. Il riconoscimento del loro ruolo di resistenti è storia di poco tempo fa. Di tutto questo ne parlerò a Livorno il 7 settembre – ore 16.00, presso la Circoscrizione 4 in Via Menasci, 4. Interverranno l’assessore Mario Tredici e Catia Sonetti che parlerà di cinema e memorie di fronte all’8 settembre. L’iniziativa è organizzata dall’Istoreco, dal Comune e dall’Anpi di Livorno. Qui tutti i dettagli.

20120904-224347.jpg