Archivi tag: scuola

Scrittura a scuola

A proposito della calligrafia e in particolare della scrittura a mano che lentamente si sta perdendo, vi segnalo questa iniziativa a Milano e a Padova nelle scuole dell’Associazione Calligrafica Italiana. Il tentativo di recuperare la bella scrittura a mano.

Il dibattito sulla scrittura a mano è molto interessante. La difficoltà delle nuove generazioni, ma anche delle precedenti, a scrivere a mano del testo con i caratteri della scrittura e non quelli da stampa (stampatello), dimostrano l’attegiamento superficiale verso l’estetica del segno. Cioé il bisogno di semplificare a scapito della ricchezza dei segni. Forse questo è il prodotto di un bombardamento continuo di segni e suoni su tutti noi? L’iniziativa me l’ha segnalata Francesca Biasetton che è una brava e famosa calligrafa di Genova con la quale ho collaborato nella digitalizzazione di due font disegnati da lei. Ne parlerò più avanti. Mentre a proposito dell’alfabeto ne avevo parlato qui

Annunci

Viva la scuola

Oggi abbiamo incontrato gli studenti della terza media di alcune scuole di Caltagirone. Abbiamo provato a raccontare loro una storia difficile e molto lontana dai loro pensieri. Appena ho cominciato a parlare, pensavo già di annoiarli. Invece il fatto di essere in cinque a raccontare questa storia ha mantenuto alta l’attenzione. Abbiamo terminato con il booktrailer, dopo aver visto le foto di Vittorio Vialli e quelle del viaggio. Questa esperienza con gli studenti di Caltagirone, insieme ad altre con altri studenti, di liceo, mi fa pensare al lavoro degli insegnanti. All’importanza che il loro ruolo ha, della grande preparazione che serve per mantenere viva l’attenzione dei ragazzi. Quando penso che la scuola in Italia è considerata solamente come un problema e non come un investimento strategico mi sento in una barca che affonda. Alla fine si sono avvicinate delle insegnanti entusiaste che ci ringraziavano per la nostra presentazione, ma è grazie a queste persone e al loro entusiasmo che la scuola è un’opportunità di crescita positiva per i ragazzi. Adesso, pausa, nel pomeriggio incontro al comune.

A Lucca comics & games

Oggi è appena passato il primo giorno di Lucca comics & games. Ho partecipato al primo incontro di quelli previsti. Abbiamo presentato i corsi della Scuola di Editoria per il Fumetto e la Traduzione. Insieme a Giovanni Marchese, Luana Vergari e Andrea Plazzi.

Poi passaggio allo stand di Becco Giallo e nel pomeriggio un incontro interessante organizzato da Matteo Stefanelli e Paolo Interdonato sulle nuove tecnologie e il fumetto, ipad, iphon, tutto molto interessante. Forse un po’ di confusione sugli scenari futuri. D’altra parte è un settore appena nato dove tutto è da sperimentare.

Manga, ne parla Susanna Scrivo

 

 

Segnalo questa intervista a Susanna Scrivo, un cognome una garanzia (non potevo trattenermi dal fare questa battuta), autrice del saggio Rumiko Takahashi, la regina dei manga. Ha curato diverse traduzioni dal g

iapponese e a proposito dice “Da un punto di vista sintattico, è inevitabile la completa scomposizione e ristrutturazione della frase, e quindi il riposizionamento delle battute nei balloon. Nonostante questo, una buona traduzione cerca di rispettare il più possibile l’originale, pur rendendolo fruibile a un pubblico di lettori tanto diverso da quello di origine”. Mi sembra interessante e molto condivisibile l’idea che una traduzione possa essere realizzata non come uno svolgimento puramente tecnico, ma come un ulteriore contributo creativo all’opera. Questo tipo di approccio lo ritengo molto interessante e valido per il fumetto o altra opera che necessita di ulteriori interventi intermedi tra il lavoro dell’autore e il fruitore. Forse per il fumetto giapponese, diviene particolarmente evidente già nella creazione stessa perché spesso la realizzione è affidata non al singolo autore ma ad un gruppo di professionisti.

 

 

 

Scrittura e sceneggiatura per il fumetto e l’animazione a Lucca Comics

Si avvicina l’appuntamento di Lucca Comics & Games 2010 e vi anticipo che ci sarà un appuntamento dedicato ai corsi della Scuola di Editoria per il Fumetto e la Traduzione il 29 ottobre ore 15,30 presso la Sala incontri della Camera del commercio. Oltre a parlare del corso base di Editoria per il fumetto e la traduzione, di cui vi ho già parlato, parleremo della prima edizione per il corso di Scrittura e sceneggiatura per il fumetto e l’animazione a cura di Luana Vergari e Giovanni Marchese con me ci sarà anche Andrea Plazzi. Questo corso vede anche la partecipazione straordinaria di Bruno Bozzetto. Una giornata con il maestro dell’animazione italiana. Entrambi i docenti sono dei professionisti del settore e qui potete vedere una loro intervista in video, mentre qui potete leggere un intervista a Luana Vergari e qui quella a Giovanni Marchese. Vorremmo creare all’interno della RAM un luogo di incontro sul fumetto e la prima iniziativa l’abbiamo pensata come occasione per conoscere da vicino Luana Vergari e Giovanni Marchese che ci presenteranno il libro dedicato alla sceneggiatura Storytellers edizione Tunué. Il 6 novembre alle 18 presso la RAM in via San Valentino 1F a Bologna.

La scuola di editoria per il fumetto e la traduzione

Con Andrea Plazzi abbiamo annunciato la seconda edizione del corso base della Scuola di Editoria per il Fumetto e la Traduzione. Corso che si sviluppa in tre moduli tra cui uno dedicato alla professione del fumetto che mi vede coinvolto personalmente come docente a parlare del lettering digitale nel fumetto. Gli altri due moduli sono La traduzione nel fumetto e Manga e mercato. Saremo in 16 docenti, tutti professionisti del settore. Enrico Fornaroli, Giovanni Russo, Cristina Previtali, Mirko Tavosanis, Leonardo Rizzi, Raffaella Pellegrino, Lorenzo Raggioli, Marco Tamagnini, Andrea Baricordi, Alessandra Di Luzio, Vincenzo Sarno, Susanna Scrivo, Fabio Gadducci, Fabrizio Iacona e infine io e Andrea Plazzi. L’idea è quella di fornire al traduttore la conoscenza e le competenze del processo completo per la realizzazione di un libro a fumetti in traduzione per potersi confrontare anche con il lavoro di una redazione. Qui potete sentire la presentazione di Mirko Tavosanis che aprirà il corso.

Un paese senza futuro!

Questa volta non parlo di fumetti o disegni, vado fuori tema, ma ascoltando questa intervista realizzata da Tony Troja ho provato la necessità di condividerla. Questa intervista mi ha fatto venire una gran rabbia, ma se distruggiamo la scuola quale futuro è riservato al nostro paese?