Archivi tag: José Munoz

KUFIA, il fumetto italiano per la Palestina, si riparte?

marco_ficarra

Fumettologica ci ricorda l’iniziativa realizzata prima nel 1988 promossa dal Comitato Bir-Zeit, l’alfabeto urbano e Cuen di Napoli, con il sostegno di il manifesto, Smemoranda e altre organizzazioni di solidarietà con la Palestina, durante la Prima Intifada palestinese e rilanciato poi nel 2002 con la collaborazione di Stefano Ricci, Daniele Brolli, Giuseppe Palumbo, Flavia Ponzi, Angela Bernal e Francesco Esposito e infine il progetto fu reso visibile e archiviato nel 2004 da Gianluca Constantini. Kufia.

Tanti autori famosi e meno famosi, ma anche tanti giovani sconosciuti parteciparono al progetto. Tra questi anch’io con il disegno che potete vedere nel post.
Il progetto aveva l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della Palestina grazie al contributo del mondo del fumetto/illustrazione.
Autori come Magnus, Pazienza, Crepax, Manara, Mattotti e altri parteciparono all’iniziativa.
Perché non rilanciare una nuova edizione che oltre a rendere esplicito il sostegno alla popolazione palestinese sotto attacco, possa raccogliere fondi per la martoriata striscia di Gaza.
Che ne pensano gli autori italiani?

Annunci

Le grandi mostre di Vinci e Muñoz

Giovedi sera è stata la grande serata della mostra d’inaugurazione del festival, anzi delle mostre. Infatti le mostre sono due, quella dell’autrice cagliaritana di nascita ma bolognese di adozione Vanna Vinci el’argentino José Muñoz. Tanta gente e come al solito è impossibile vedere la mostra, ma un’idea ce la si può fare per poi ritornare a vederla con calma. Tante chiacchiere e tante facce che rivedi in queste belle occasioni. Come al solito Hamelin ha dato il meglio per l’allestimento della mostra. Credo sia fondamentale distinguere tra una mostra dove si trovano tanti disegni appesi uno dietro l’altro e un’esperienza espositiva creata dalla sistemazione ragionata dei disegni e intermezzi grafici che mettono in risalto i disegni stessi. Condivido molto questa impostazione espositiva, per me una mostra è una nuova opera che mette in risalto al meglio l’opera dell’artista esposto. Ovviamente deve esserci un equilibrio tra disegni e elementi di accompagnamento che sono fondamentali per capire meglio l’autore. D’altra parte se uno vuole solo guardare le tavole definitive c’è il libro (stampa, rivista, giornale) che è l’opera principale per un fumettista. Le foto non rendono molto, ma a breve verranno pubblicate sul blog di BilBOlbul.

Aspettando BilBOlbul a Bologna

A breve partirà la quinta edizione del Festival di fumetto internazionale BilBOlbul a Bologna, e anche quest’anno la RAM sarà impegnata in prima fila. RAM Hotel ospiterà l’artista svizzero Luca Schenardi. Il festival si terrà dal 2 al 6 marzo. L’inaugurazione da noi sarà venerdì 4 marzo, ma a breve vi darò tutti gli aggiornamenti possibili. Qui trovate il sito con tutte le informazioni del festival. La bella immagine del festival di quest’anno è stata raealizzata da Paper Resistance. tra gli autori in mostra José Munoz, Vanna Vinci, Otto Gabos, Brecht Evens, Grazia Nidasio, Mariana Chiesa Mateos, Caterine Sansone e Alessandro Tota, Paper Resistance e diverse altre mostre dedicate ad un pubblico di bambini.